News & Events

Tutte le novità dal mondo Kruder

Regali di Natale banali?

No se scegli l’accessorio trendy, del resto è la storia che lo dimostra.

Può sembrare strano, ma la tradizione dello scambio dei regali di Natale si afferma solo nel 1800, quando il 25 dicembre diventa un’occasione per riunirsi con amici e parenti lontani.  

Pochi però potevano permettersi cadeaux costosi, solitamente dovevano entrare in una scarpa o una calza!  

Oggi tra i regali più apprezzati ci sono gli accessori, fondamentali per creare un look particolare e determinare un vero e proprio stile, addirittura uno status symbol.  

Non a caso i primi “accessori”, ornamenti magico-protettivi, risalgono alla preistoria, certamente ben diversi dai bottoni gioiello, i pendagli e i bastoni da passeggio cari agli uomini tra il ‘600 e l’800.  

La vera svolta però si ha nel ‘900, quando appare la cravatta così come la conosciamo oggi. All’epoca romana, infatti, serviva ai legionari per filtrare l’aria carica di polvere durante le lunghe marce e oggi resta l’accessorio maschile per definizione, non a caso vi sono oltre 80 modi per annodarla!

Con lo smoking torna in auge anche il papillon, introdotto in Francia nel 1600, quando chiudeva la camicia priva di bottoni dei mercenari della Guerra dei trent’anni. Scomparso per secoli, e vietato in Italia durante il fascismo, torna alla ribalta negli anni ’90 come il moderno “farfallino”, e vive in questi primi decenni del 2000 una nuova fortuna dovuta all’utilizzo di diversi materiali. Ugualmente in voga, soprattutto per i regali natalizi degli anni Sessanta, è il fazzoletto da taschino, la pochette, diventato accessorio di moda trendy grazie al suo utilizzo da parte delle icone di Hollywood come Fred Astaire e Clark Gable.

Negli anni ’80 un must natalizio sono stati i gemelli da polso, sinonimo di eleganza non solo per gli abiti da cerimonia ma anche per un abbigliamento casual.  

Dagli anni Quaranta ad oggi l’accessorio di moda maschile che non manca mai sotto l’albero di Natale risulta l’intramontabile paio di calze, risalenti all’epoca dei Sumeri e giunti fino a noi tra cambiamenti e rivoluzioni di costume: prima lunghe, poi corte, ora colorate ora bianche, prima di un tessuto poi di un altro. Addirittura il filosofo Voltaire, caduto in disgrazia come intellettuale, finisce la sua vita come produttore di calze. Negli anni Quaranta del Novecento invece agli uomini trendy si regalavano le bretelle. Nate durante la Rivoluzione Francesce, cadute nel dimenticatoio per secoli, verso la fine della prima metà del Novecento diventano un simbolo di eleganza maschile per uomini e bambini.  

Nel primo decennio del 2000 torna in voga regalare per Natale l’accessorio del guardaroba maschile forse più iconico di sempre: la cintura. Usata fin dall’antichità come elemento di distinzione di ceto sociale, distingue lungo il passare del tempo i sacerdoti dal popolo, divide i guerrieri per grado, identifica gli uomini liberi e i servitori della gleba.  

E questo Natale quale sarà l’accessorio di moda maschile più regalato? Intanto Kruder li ha reinterpretati per voi in uno stile originale, pensato per l’uomo che vuole distinguersi con stile. Vieni nei nostri store e scegli fra le tante proposte.

Regali di Natale banali? Regali di Natale banali? Regali di Natale banali?

News & Events

Archivio notizie

Regali di Natale banali?

Regali di Natale banali?

No se scegli l’accessorio trendy, del resto è la storia che lo dimostra.

Leggi l'articolo
Indietro
Avanti